Chirurgia

La parodontite, o piorrea, è una delle malattie del cavo orale più diffuse. Colpisce prevalentemente a partire dall’età adulta, ma sono conosciute anche forme giovanili e rapidamente progressive.

La causa principale è la placca batterica e la cura della malattia è sostanzialmente nel controllo e nella rimozione della stessa. Tutta la terapia parodontale gravita intorno a questo problema: la rimozione della placca batterica. Questo stato infiammatorio ha come estrema conseguenza la distruzione dei tessuti di sostegno del dente fino ad arrivare alla perdita dei denti.

La malattia parodontale può presentarsi come gengivite o parodontite, la prima comporta con la guarigione la restituzione all’integrità dei tessuti di sostegno, la seconda comporta una lesione irreversibile anche dopo la guarigione.

Il trattamento delle recessioni è di tipo chirurgico. Il tipo di tecnica deve essere scelta in base alle caratteristiche della recessione da trattare.

CHIRURGIA RESETTIVA Questo procedimento chirurgico modella l’osso di sostegno in maniera tale di appianare le tasche parodontali sorgenti di infezioni. Allo stesso tempo si eliminano il tessuto infiammatorio preesistente e il tartaro che essendo direttamente visibile dal parodontologo può essere rimosso più efficacemente.

CHIRURGIA RIGENERATIVA Con questa tecnica è possibile promuovere la crescita di nuovo tessuto tramite innesti di biomateriali e membrane per riempire i difetti causati dalla malattia parodontale.