IGIENE ORALE E PREVENZIONE NEI BAMBINI

I bambini vanno indirizzati fin da subito verso le buone abitudini d’igiene orale. Dai 2 ai 4 anni bisogna sviluppare in loro l’abitudine a lavarsi i denti regolarmente. La placca che si forma sui loro denti, proprio come negli adulti, può causare gli stessi danni.
I genitori dovrebbero prendersi il tempo per spazzolare correttamente i denti dei loro figli e abituarli crescendo a spazzolarsi correttamente da soli.
L’igiene parte già dai dentini da latte, che vanno puliti regolarmente, una corretta igiene orale, inizia allo spuntare dei primi dentini e contribuisce allo sviluppo corretto delle arcate dentarie. Nella fase iniziale della dentizione, generalmente fino ai 12 mesi, è sufficiente utilizzare una garza sterile imbevuta di acqua e passarla sui dentini, sulle gengive e sulla lingua, dopo la poppata, per eliminare dalla bocca i residui di latte che sono spesso responsabili della cosiddetta “carie da biberon” che interessa principalmente i denti frontali superiori ed inferiori.
Anche se può sembrare presto, una rilevante percentuale dei bambini fra i due e i tre anni ha già problemi di carie o infiammazioni gengivali pertanto prima ci si interessa della salute dentale del proprio figlio e più facilmente si riescono a prevenire ed evitare problemi in seguito. L’odontoiatra infantile potrà fornire tutte le informazioni riguardanti la corretta igiene orale, un’idonea alimentazione, l’uso del fluoro e la prevenzione dei traumi dentali. Se non è stato fatto già prima, almeno durante il primo anno di scuola materna è consigliabile che il bambino venga visitato da un odontoiatra infantile.

USO DEL LASER IN ODONTOIATRIA

La paura del dentista e l’ansia delle cure sono spesso associati alla strumentazione, il “rumore” del trapano ad esempio è tra le cause per non prendersi cura dei propri denti.
Tutto ciò che possa diminuire il dolore e migliorare l’approccio alle cure odontoiatriche è quindi di grande interesse sia per il dentista, soprattutto per l’odontoiatra infantile. Nasce così l’idea di sostituire il trapano con una luce (laser) che lavori sul paziente senza contatto, nessuna vibrazione o rumore, senza o con minore dolore. In Odontoiatria infantile è una terapia elettiva per la sua minore invasività.
In odontoiatria pediatrica, il laser può essere utilizzato per la rimozione della carie, per effettuare la preparazione dei solchi prima delle sigillature preventive (laser ad Erbio), per la disinfezione dei canali…
I laser hanno dimostrato un’elevata sicurezza d’uso rispetto al trapano e al bisturi, in particolare nel trattamento di bambini molto piccoli offrendo nuove possibilità terapeutiche in tutte le patologie odontostomatologiche dell’età pediatrica. Il rischio di causare danni accidentali sui tessuti molli (gengiva, mucosa e lingua) in caso di chiusura accidentale della bocca o per improvvisi spostamenti durante il trattamento è notevolmente ridotto inoltre è vantaggioso anche nella piccola chirurgia orale dove l’uso del bisturi e la necessità di suturare richiedono notevole attenzione e collaborazione.
Il laser migliora il decorso post-operatorio, infatti viene utilizzato non solo nella fase di taglio, ma anche come elettro-coagulatore, rendendo spesso non necessario l'applicazione di punti di sutura sulla ferita avendo un effetto biostimolante sui tessuti ne favorisce la guarigione e la riparazione.

SEDAZIONE COSCIENTE

Tutte le cure realizzate sui nostri piccoli pazienti vengono eseguite tramite sedazione cosciente. Il bambino respira in una mascherina profumata molto gradevole una miscela tra ossigeno e protossido d’azoto, la quale gli permetterà di essere completamente rilassato, pur rimanendo sempre vigile. La sedazione non ha alcuna controindicazione, infatti la miscela viene semplicemente inspirata ed espirata.

ORTODONZIA INFANTILE

Per una giusta funzione masticatoria, fonatoria e estetica sono fondamentali il mantenimento, il ripristino di un corretto rapporto osseo tra i mascellari, il corretto rapporto tra le arcate dentarie e l'allineamento dei denti. Il ruolo primario dell’ortodonzia infantile è ripristinare una giusta funzione dell’apparato stomatognatico. L'ortodonzia intercettiva o miofunzionale interviene già nella fase di dentatura mista (denti decidui e permanenti) e si occupa proprio di interferire, attraverso l'utilizzo di apparecchi ortodontici mobili detti "funzionali", con quelle forze muscolari, in particolare la lingua, che possono condizionare in maniera sfavorevole lo sviluppo armonico delle ossa mascellari. È opportuno, in questa fase, la collaborazione con altri specialisti come il logopedista e l’osteopata con esercizi di rieducazione dei movimenti della lingua e della muscolatura periorale. I due diversi approcci si completano a vicenda e permettono la correzione delle alterazioni funzionali in maniera completa e definitiva.
Completata la permuta dentaria, l'ortodonzia si interessa dell'allineamento dentale utilizzando apparecchiature di tipo fisso che possono essere di varie tipologie e la durata del trattamento può variare da paziente a paziente. Il trattamento intercettivo è molto importante e facilita notevolmente questa fase predisponendo al corretto rapporto delle arcate dentarie, creando gli spazi sufficienti per l'allineamento dentale ed eliminando le interferenze muscolari. Una corretta diagnosi è uno dei fattori più importanti per l’ottimizzazione del trattamento ortodontico anche al fine di una minore durata dello stesso e una qualità ottimale del risultato.

GNATOLOGIA

L’interesse dell’odontoiatra verso i disturbi della postura nasce dalla correlazione tra alcune malocclusioni e conseguenti disfunzioni della colonna vertebrale.
La gnatologia pediatrica ha come obiettivo quello di ricomporre una benefica situazione di equilibrio tra denti, muscoli e articolazioni in un’età delicata come quella dello sviluppo.
I problemi posturali iniziano nella maggior parte dei casi già durante l'infanzia, con l'instaurarsi di malformazioni non corrette in tempo, causa non solo di difetti estetici, ma anche di alterazioni nelle attività funzionali (respirazione, deglutizione, movimento, psicomotricità).
Una occlusione ideale prevede generalmente la presenza di tutti i denti correttamente allineati, dei carichi occlusali ben distribuiti e bilanciati e delle adeguate guide canine e incisive che proteggano i denti posteriori nei movimenti eccentrici mandibolari.
Laddove la postura è valutata in rapporto al trattamento odontoiatrico di correzione delle malocclusioni, è interessante notare come, man mano che si ottengono i miglioramenti voluti nell’ingranaggio dentale, la postura ne tragga immediato beneficio.

OZONOTERAPIA

L’Ozonoterapia si realizza tramite un macchinario chiamato Healozone (Kavo). Tale terapia si basa sulla capacità dell’ozono di bloccare con delicatezza, soprattutto nei bimbi più piccoli, la progressione della carie, senza ricorrere all’anestesia e al trapano. L’ozono, è un gas già utilizzato in altre branche della medicina e consente di sterilizzare la cavità cariosa e di remineralizzare i tessuti. Questo trattamento innovativo, permette di rinviare le cure o in alcuni casi addirittura di evitarle, limitandosi all’applicazione in più sedute dell’ozono.
Inoltre l’ozonoterapia consente di essere molto più conservativi nelle cure dei denti e talora di evitare devitalizzazioni anche in soggetti collaboranti, sia bambini che adulti. Ma è davvero formidabile l'idea di poter curare in questo modo dei piccoli pazienti che forse in alcuni casi, estremi, legati a sofferenze non arginabili, sarebbero destinati all’anestesia generale in ospedale e all’estrazione troppo precoce degli elementi da latte...

 

LOGOPEDIA

Il logopedista è una figura sanitaria specializzata nella rieducazione dei disturbi del linguaggio, dei suoi contenuti e della voce, che lavora a stretto contatto con medici e odontoiatri. E’ una figura professionale che dovrebbe essere presente in molte strutture mediche, in quanto ha un ruolo chiave in varie situazioni e richiede non solo competenza, professionalità e preparazione ma anche doti di sensibilità, intuito, pazienza e creatività.
Pensiamo che la Multidisciplinarietà tra Pedodonzisti – Logopedisti sia un fattore chiave per risolvere problemi odontoiatrici tipici dell’infanzia. In particolare con la logopedia noi dentisti possiamo risolvere disfunzioni come deglutizione infantile atipica e avvalerci di terapie rieducative della muscolatura orale come la terapia miofunzionale. Questo ci dà la possibilità di sventare o semplificare alcuni trattamenti ortodontici e di stabilizzarne i risultati nel tempo.
L’affiancamento nel nostro studio con la logopedista ci permette diagnosi precoci ed interventi mirati rieducativo evitando possibili malformazioni del palato e la correzione di alcuni difetti del linguaggio come: dislalie e voce nasale. Con questo tipo di approccio possiamo prevenire o risolvere tutta una serie di problematiche annesse come: disfonie, abitudini viziate da prolungato uso di biberon-ciuccio, respirazioni orali, malocclusione dentale, Bruxismo, interposizioni linguali ecc. ecc attraverso programmi rieducativi-riabilitativi per i piccoli pazienti eseguiti direttamente in studio o a casa.
E’ un supporto fondamentale soprattutto nell’età evolutiva, ma può aiutare anche gli adulti a trattare le disabilità comunicative derivanti da malattie neurologiche oppure in caso di alterazioni della voce parlata.